TESTAMENTOeSUCCESSIONE.com
Testamento, successione, donazione

Testamento olografo

Il testamento olografo è il testamento scritto interamente di mano del testatore.

Requisiti formali del testamento olografo sono:

  1. la scrittura autografa del testatore;
  2. la data;
  3. la sottoscrizione.
La mancanza dell’autografia o della sottoscrizione importa la nullità del testamento.

Il testamento olografo è quindi una scrittura che si caratterizza per la totale autografia dell’atto. A differenza, cioè, delle ordinarie scritture private, dove è sufficiente la firma autografa in calce alla dichiarazione per imputare questa al sottoscrivente, il testamento olografo, per essere valido, richiede che il testatore scriva di proprio pugno tutto il contenuto della dichiarazione, ivi compresa la data. Questo rigoroso requisito formale è richiesto a pena di nullità e risponde all’esigenza di garantire l’integrale autenticità delle disposizioni testamentarie e, in particolare, per evitare che parte del testamento possa essere alterato con parole estranee a quelle originarie.

Il requisito dell’autografia richiede l’uso di mezzi che rivelino il movimento grafico della mano, è pertanto esclusa la scrittura meccanica, effettuata cioè con la stampa o con l’impressione di caratteri o impulsi elettronici. Anche la circostanza che la mano del testatore sia stata “guidata” da altri, esclude secondo la giurisprudenza l’autografia dell’atto.

Il testamento olografo può essere conservato dal testatore, o affidato a persona di sua fiducia. Può essere anche depositato presso un notaio, il quale assolverà in tal caso alla semplice funzione di depositario della scheda.

Dopo la morte del testatore l’affidatario del testamento, e chiunque ne consegua comunque il possesso, è tenuto a presentarlo ad un notaio per la pubblicazione.